Il Canada ha distrutto oltre 400 milioni di grammi di cannabis

In Notizie su Cannabis Legale e CBD 0 commenti

Secondo Health Canada, l'autorità sanitaria del Paese, oltre 400 tonnellate di cannabis destinate al mercato ricreativo sono state distrutte nel 2021, portando con sé gravi danni economici e ambientali. 

Canada

A quattro anni dalla legalizzazione per uso adulto, la quantità di cannabis distrutta annualmente è in continua crescita. Aumentando di circa del 50% rispetto ai 279 milioni di grammi nel 2020 e i 155 milioni di grammi del 2019, sfiorando la cifra record di circa 425 milioni di grammi di cannabis non confezionata distrutti nel 2021. 

Questi dati mostrano senza filtri la situazione drammatica del settore cannabico canadese, suggerendo ai grandi produttori di ridurre ulteriormente la produzione di cannabis in base alle previsioni di vendita. 

I prodotti invendibili aumentano e il tasso di distruzione schizza alle stelle

Oltre alla cannabis essiccata non confezionata, sono stati buttati più di 140 milioni di grammi di estratti non confezionati, edibili, prodotti topici e più di 7 milioni di articoli confezionati, in particolare:

  • 3.576.232 confezioni di cannabis essiccata.
  • 1.118.148 confezioni di estratti, compresi i vapes.
  • 2.421.823 confezioni di edibili, comprese le bevande.
  • 15.359 confezioni di prodotti topici

Ma potrebbe trattarsi anche di una sottostima, poiché, secondo Stewart Maxwell, consulente per le colture di cannabis con sede nella Columbia Britannica, "i 425 milioni di grammi distrutti sono probabilmente solo una frazione della cannabis che è stata coltivata senza mercato, tonnellate di prodotto rimangono nell'inventario in vari formati".

Tammy Jarbeau, consulente per i media di Health Canada, ha dichiarato che le ragioni della distruzione dei prodotti "includono: perdite di raccolto; smaltimento di materiale vegetale inutilizzabile; prodotti richiamati; eliminazione di prodotti invenduti o restituiti". Maxwell ha osservato che quando si tratta di prodotti confezionati, "qualsiasi errore di battitura su un'etichetta può causare un richiamo", portando alla distruzione di milioni di articoli. Per fortuna, "i produttori devono avere un'assicurazione contro i ritiri".

Investimenti eccessivi e sovrapproduzione: le cause della distruzione

Investimenti economici

La distruzione nella giovane industria canadese della cannabis, dopo il lancio della vendita a scopo ricreativo nell'ottobre del 2018, è aumentata dopo che i maggiori produttori hanno finanziato e costruito una capacità produttiva superiore a quella necessaria al settore.

Jarbeau ha definito la distruzione "una parte delle normali pratiche commerciali", attribuendone le cause all'"aumento del numero di titolari di licenze federali dal 2018".

Maxwell ha precisato che "l'abbondanza di prodotto sul mercato nasce da una sovrapproduzione guidata dagli enormi investimenti nel settore". All'inizio della legalizzazione, molte grandi aziende "hanno raccolto miliardi con la promessa di dominare un'industria nuova di zecca", causando "una sovra-costruzione esponenziale di impianti di coltivazione". A peggiorare le cose, la cannabis non era di ottima qualità e non si vendeva, portando "alla chiusura di molte di queste strutture". 

Di conseguenza, come evince dalle statistiche, i produttori di cannabis in Canada hanno venduto meno del 20% della loro produzione tra la legalizzazione del 2018 e la fine del 2020.

Il disastro ambientale oltre quell'economico 

Maxwell afferma che "il costo del prodotto distrutto è di miliardi", ma non comprende il costo delle strutture stesse e delle altre risorse spese per coltivare la cannabis. "Questa sovrapproduzione è una catastrofe ambientale e l'energia necessaria per coltivare questo eccesso è incalcolabile - puntualizzando che - Quando strutture che costano decine di milioni di dollari vengono costruite e poi chiuse senza mai produrre un prodotto di qualità, la distruzione di capitale e di risorse energetiche è sconcertante". 

Jarbeau ha dichiarato che Health Canada "non raccoglie queste informazioni sull'acqua, i fertilizzanti e le altre risorse utilizzate per la coltivazione", ciò significa che non c'è modo di sapere con precisione quante e quali risorse sono state distrutte parallelamente ai 425 milioni di grammi di cannabis.

Preferire la rigenerazione dei prodotti alla distruzione 

Rigenerazione

Secondo gli esperti del settore, tra le soluzione a tale disastro c'è la rigenerazione, così che i produttori possano recuperare lotti di prodotti che altrimenti non potrebbero essere venduti. Tra le opzioni, c'è la riduzione di contaminanti (pesticidi, metalli pesanti) o del contenuto di THC così che possa essere legalmente venduto come canapa. 

"È possibile che la cannabis venga utilizzata in altre applicazioni", dice Jarbeau, "tuttavia, a seconda dell'attività, potrebbe essere soggetta ai requisiti previsti dal Cannabis Act e da altri regolamenti". Fortunatamente "alcune parti di piante di cannabis (ad esempio steli senza le foglie, semi e rami) sono esenti dall'applicazione del Cannabis Act" e possono essere riutilizzati per altri usi senza una licenza.

Previsioni di vendita

Tra le aziende che sta navigando nel burrascoso mercato canadese della cannabis meglio dei suoi concorrenti è l'Organigram Holdings.

Mentre la maggior parte dei suoi principali rivali ha visto crollare le proprie entrate, nello stesso periodo, la società del New Brunswick, è riuscita a far crescere la sua quota di mercato complessiva e le sue vendite. 

Le vendite di Organigram, secondo un recente rapporto della società di servizi finanziari Cowen, sono aumentate del 60%, contrariamente ad alcuni suoi rivali che hanno registrato un calo delle vendite fino al 39%. Com'è possibile?

L'amministratore delegato Beena Goldenberg ha riferito che parte del motivo è che Organigram vende la maggior parte di ciò che produce, evitando le massicce distruzioni e svalutazioni che devono affrontare i concorrenti più grandi.

"Innanzitutto, Organigram ha costruito la propria capacità nel tempo. Anche noi abbiamo commesso degli errori. Ma negli ultimi due anni abbiamo prodotto in base alle nostre previsioni di vendita", ha dichiarato in un'intervista telefonica.

Goldenberg ha affermato che per non produrre in eccesso sono necessarie analisi di mercato approfondite per comprendere ciò che i clienti vogliono comprare e perché. "Come per qualsiasi altra cosa, si tratta di assicurarsi di produrre ciò che il consumatore desidera - La qualità sta diventando il fattore determinante".

"Penso che stiamo ottenendo ottimi risultati perché abbiamo sempre prodotti freschi sul mercato - La cannabis è un prodotto agricolo, quindi i consumatori non vogliono qualcosa che abbia sei mesi o due anni."

Raffaele Migliucci
Raffaele Migliucci

Amante della pura vita. Giovanissimo si libera dalle catene di una vita ordinaria alla ricerca della felicità. Appassionato di spiritualità, viaggi e Natura, Raffaele legge studia e scrive per il web sull’argomento cannabis.

Articoli Correlati